Dolce Sapere – IV Incontro Stampa

Si è tenuto ieri, venerdì 11 dicembre, l’ultimo appuntamento della rassegna Il dolce sapere, il ciclo di incontri letterari promosso dalla Banca Popolare del Cassinate in collaborazione con la libreria Gulliver di Cassino.

In ciascun appuntamento è stato presentato un libro ogni volta diverso, spaziando dal romanzo storico al noir, dalla saggistica ai racconti di viaggio. Ogni libro è stato presentato dall’Autore e da un relatore e proprio questa formula ha riscosso un grandissimo successo: la Sala San Benedetto della filiale di Corso della Repubblica di Cassino è sempre stata gremita di persone appassionate e interessate.

Anche l’ultimo appuntamento ha confermato quanto la proposta della BPC sia stata apprezzata. Moltissime, infatti, le persone intervenute alla presentazione dell’ultimo titolo in programma: L’impero. Traffici, storie e segreti dell’occulta e potente mafia dei Casalesi di Gigi Di Fiore, firma nota e prestigiosa del giornalismo italiano. Accanto all’Autore, anche stavolta, un relatore autorevole: il dott. Paolo Andrea Taviano, Magistrato presso il tribunale di Cassino.

Ad introdurre la serata, come sempre, il Presidente della BPC dott. Donato Formisano, che ha ringraziato i presenti e tutti coloro che, quasi “affezionandosi” all’iniziativa, non hanno perso neppure uno degli appuntamenti in programma. Il Presidente Formisano ha sottolineato anche i sentimenti contrastanti che accompagnano la conclusione di qualsiasi iniziativa: da un lato la nostalgia, visto che ormai era diventata quasi un’abitudine ritrovarsi ogni settimana in quell’insolito salotto letterario in cui si è trasformata la filiale della BPC; ma, dall’altro, la soddisfazione di aver proposto qualcosa di nuovo e, soprattutto, di utile e costruttivo. Il dolce sapere è stata un’occasione preziosa di incontro, di riflessione, di confronto con autori di alcuni dei più prestigiosi titoli del panorama letterario italiano, in una grande varietà di temi e di interessi. Il Presidente ha ringraziato la stampa per l’attenzione con la quale ha seguito l’iniziativa, e il Consiglio di Amministrazione della BPC che ha permesso la realizzazione di questa rassegna.  Dunque, ha detto Formisano «accanto al dispiacere per la conclusione di questa esperienza, c’è anche l’orgoglio e la soddisfazione per aver dato un nostro importante contributo alla crescita culturale della nostra città e per aver offerto a tutti la possibilità di avere importanti stimoli di riflessione». Il dolce sapere, ha concluso Formisano, è stata «un’iniziativa insolita per una banca, ma nella quale abbiamo creduto moltissimo e che ben testimonia la cura che la Banca Popolare del Cassinate riserva al territorio, non soltanto dal punto di vista strettamente economico, ma anche dal punto di vista culturale e sociale».

La parola è passata poi agli ospiti: al Giudice Taviano, prima, al dott. Di Fiore dopo. Due interventi approfonditi ed esaustivi, nei quali è stato fornito un quadro chiaro dei contenuti di un libro estremamente interessante e di grande rigore. Una ricostruzione con un taglio storico e ben documentato, come dimostra l’accurata e ricca bibliografia.

Al termine dell’incontro, come sempre, spazio al dibattito e agli interventi del pubblico, particolarmente partecipe. Infine il consueto buffet sulla terrazza, nella speranza che, in futuro, possano esserci altre edizioni de Il dolce sapere.