Visita dell'Abate Vittorelli alla BPC Stampa

09-07-2009

 

 

Si è tenuta questa mattina la visita dell’Abate di Montecassino dom Pietro Vittorelli alla Banca Popolare del Cassinate.
La prima parte dell’incontro – di carattere privato - si è svolta nella sede centrale di Piazza Diaz, alla presenza del Presidente della Banca Popolare del Cassinate Donato Formisano, del Vice Presidente Prof. Vincenzo Formisano, del Direttore Generale Bonaventura Fiorillo, del Presidente del Collegio Sindacale ing. Carlo Di Mambro, del Consiglio di Amministrazione, di diversi funzionari, dipendenti e rappresentanti sindacali.
Il Presidente Formisano ha dato il benvenuto all’Abate, comunicandogli, tra le altre cose, la recentissima approvazione (lo scorso 7 luglio) del nuovo Codice Etico, con il quale la Banca conferma e consolida il proprio impegno ad agire nel rispetto dei principi etici della tutela della persona, dell’onestà, della trasparenza, della professionalità, dell’efficienza, della correttezza, dell’integrità. Al Padre Abate, inoltre, è stata consegnata una pergamena contenente un documento che sintetizza tali principi e che riassume le linee di impegno della Banca a favore del territorio. Il documento è stato firmato dal Presidente e dall’Abate a ricordo della visita.
La parola è poi passata al Padre Abate, che ha colto l’occasione di questo incontro per ringraziare la Banca per il suo impegno, in particolare per il contributo dato all’organizzazione della visita del Santo Padre Benedetto XVI, una visita definita “storica”. L’Abate ha ringraziato la BPC non solo a titolo  personale, ma anche da parte del clero diocesano, della comunità monastica, dei fedeli della Diocesi e ha ricordato la grande gioia dimostrata dal Papa al termine della giornata trascorsa a Cassino e a Montecassino.


L’Abate ha consegnato alla Banca un dono di grande valore artistico e  di grande significato. 

Si tratta di un copia bronzea del bozzetto della statua di San Benedetto collocata nel 2005 all’ingresso della città, opera dell’artista Giuseppe Ducrot, bozzetto che è stato consegnato  in dono anche al Santo Padre lo scorso 24 maggio. La preziosa statua, da oggi, verrà custodita nella Sala del Consiglio di Amministrazione. Un dono importante, che richiama alla figura del Santo Patrono e ai grandi valori della spiritualità benedettina, valori condivisi come mostra l’ormai lunga collaborazione tra la Banca Popolare del Cassinate, l’Abbazia e la Diocesi di Montecassino.
L’Abate ha precisato che la scelta della data di questa visita non è stata casuale, visto che è il giorno della tradizionale celebrazione eucaristica e della processione in ricordo della protezione della Vergine Assunta sulla città di Cassino ed è, al tempo stesso, una data che precede di due giorni la festa di S. Benedetto dell’11 Luglio.
Un momento significativo per suggellare l’impegno della Banca anche perché avviene a soli 2 giorni dalla pubblicazione dell’enciclica del Papa Caritas in Veritate. Il Papa richiama all’urgenza di sanare le situazioni di povertà. In quest’ottica è motivo di conforto vedere l’impegno di un istituto di credito come la Banca Popolare del Cassinate che si impegna anche nel sociale.
Un discorso ricchissimo e intenso quello del Padre Abate, con un forte riferimento alla figura di S. Benedetto.
Ad ulteriore conferma dell’impegno assunto dalla Banca Popolare del Cassinate, il Presidente Formisano ha comunicato la decisione presa dal Consiglio di Amministrazione di destinare un contributo alla Casa della Carità.

Dopo il saluto dei Consiglieri e dei Dipendenti e le foto di rito, ci si è spostati nella filiale di Corso della Repubblica, dove si è conclusa la visita dell’Abate con l’intitolazione della sala conferenze a S. Benedetto. Un’intitolazione importante, che, come ha precisato il Presidente Formisano, è il punto di arrivo di un lungo percorso che ha visto la Banca Popolare del Cassinate camminare a fianco dell’Abbazia e della Diocesi di Montecassino in comunione di intenti e collaborazione fattiva .